LinkedIn per nuovi startupper

Come usare correttamente profilo LinkedIn

Linkedin rappresenta una opportunità per le startup, ma anche per i privati per riuscire a raggiungere aziende e gruppi di lavoro che altrimenti sarebbero off-limits, cerchiamo quindi di preparare il nostro profilo nel migliore dei modi se siamo interessati a questa opportunità.

Come mettere a punto profilo LinkedIn personale

Il profilo Linkedin non è da considerare un semplice "curriculum digitale" ma una vera e propria pagina di atterraggio in cui alimentare la propria reputazione e credibilità, al fine di ottenere occasioni lavorative.

Al profilo arrivano persone che cercano il tuo nome o le competenze che racconti. I titolari di startup e aziende che fanno dell'innovazione la loro bandiera, hanno l'impegno di formare il mercato e rendersi protagonisti della narrazione che li riguarda. La reputazione e la visibilità della loro azienda passano anche attraverso chi l'ha fondata.

Chi per lavoro controlla molti profili LinkedIn asserisce che spesso noti che mancano molte informazioni ed elementi che ne favorirebbero il posizionamento e la comprensione.

Un consiglio che gli esperti danno, è quello di mettere il sommario professionale, posizionato sotto il nome e che quasi tutti lasciano che sia compilato automaticamente dal sistema. Questa "mini bio" è fondamentale per raccontare in 120 caratteri la prima impressione di voi. Devono esserci le parole chiave con cui vorrete essere trovati nelle ricerche.

Scegliere la foto per profilo LinkedIn

La foto del profilo è altrettanto importante, deve essere nitida, ben illuminata e mostrare la vostra faccia in una espressione rassicurante e, se possibile, sorridente.

Ogni volta che si apre un profilo di professionisti che svolgono lavori innovativi, si hanno molte perplessità su come hanno descritto se stessi e la loro professione, in alcuni casi non si riesce nemmeno a comprendere di cosa si occupano, perciò rendetevi comprensibili a tutti.

L'abbondante utilizzo di termini inglesi non aiuta (solitamente si usano per darsi un tono), in alcuni casi chi prepara il proprio profilo parla in terza persona con descrizioni tipo "web/UI et Grafic Designer", o "ha ricoperto importanti ruoli nel Marketing & Communication Strategies Development".

Tutti termini che risultano altisonanti per chi dimostra di non conoscere il proprio lavoro, ma incomprensibili per chi cerca personale qualificato in Italia (tra l'altro in molti casi, coloro che usano questi termini non solo non sanno fare ciò che dicono ma non vengono nemmeno presi in considerazione da aziende estere anglofone).

Importanti sono i fatti

Quando descrivete il vostro lavoro non raccontate le cose che fate, ma i risultati che portate. Più il linguaggio risulta comprensibile e più avrete contatti e nuove opportunità. Ricordate che il profilo può contenere foto, slide e video (youtube), tutti elementi preziosi a distinguersi e capaci di completare il racconto di voi e delle cose che sapete fare.

Ecco, ora che avete letto i consigli degli esperti (non io) spero farete tesoro delle loro dritte.

 

 

Articoli correlati