Marketing emozionale

Marketing emozionale

Marketing emozionale

La maggior parte della gente non è assolutamente cosciente di venire continuamente portata a pensare e provare pensieri ed emozioni che li spingeranno a comprare determinanti prodotti. Vediamo un pò di cosa si tratta.

Come spingere all'acquisto

Molte persone giudicano i prodotti presenti sul web e danno credito solo ai giudizi che confermano i propri punti di vista: occorre colmare il divario che c'è fra le percezioni che le persone hanno sul brand (il marchio) e il suo reale valore. Nel 78% dei casi è la fiducia a spingere le azioni sul web ma come si può conquistare questa fiducia da parte dei compratori? Vediamolo assieme...

Come creare giuste strategie di vendita

1) Identificare le obiezioni più diffuse riguardo al prodotto

Ad esempio rispondere preventivamente alle resistenze all'acquisto dei clienti che leggono del prodotto, magari accorgendosi poi che non era come pensavano all'inizio.

2) Non essere remissivi a mostrare anche i lati deboli

Non nascondete nemmeno le peggiori dimostrazioni negative di clienti non contenti, ma cercate di portare una visione positiva in merito alle opinioni riportate. Esempio: se un cliente riporta il pessimo servizio che avete dato a lui, dimostratevi aperti a capire dove potete aver sbagliato ringraziando nel caso sia così, ma siate anche disposti a perdere un po di tempo per spiegare (nel caso voi non abbiate sbagliato) al cliente scontento come egli ha messo in atto una azione non corretta oppure che non aveva compreso bene le vostre intenzioni o servizi ma senza dare, nemmeno in indirettamente, dell'ignorante al cliente, bensì cercando di far capire che sarete più attivi per aiutare altri a non sbagliare.

Vi assumete un errore anche non vostro dimostrando rispetto verso il cliente senza umiliarlo acquisterete un cliente o per lo meno ottima pubblicità. Poi i cretini sono dappertutto quindi portate pazienza e lasciate la risposta migliore e positiva postata insieme alle parole e opinioni del cliente: saranno i clienti migliori e più aperti mentalmente a capire che non è colpa vostra.

3) Siate trasparenti

Sul vostro sito indicate sempre i vostri dati, i contatti, le modalità di pagamento e/o di spedizione della merce, oltre che il livello di sicurezza dei pagamenti, le spese di spedizione e tutto quello che può servire al possibile cliente. Aspettatevi però che almeno in Italia vi chiedano lo stesso le informazioni che riportate, quindi con pazienza rispondere indirizzando i clienti nella sezione corretta postando il link attivo nella vostra mail di risposta o nel popup della chat di servizio.

4) Endorsement

Associatevi a personaggi o aziende note e con uno storico solido, anche la vostra credibilità ne uscirà rafforzata.

5) Foto e volti

Usate sempre per il vostro sito o per la presentazione del vostro prodotto, foto con persone sorridenti perché inconsciamente questo rafforza il pensieroc he quel prodotto sia di qualità e porti felicità nella vita della gente anche se non centra nulla con la felicità. Evitate foto con soggetti che sorridano come i robot... devono emanare il sorriso anche dagli occhi.

6) Usate i font "con le grazie"

Anche i caratteri di stampa fanno la loro differenza nell'influenzare i potenziali clienti: uno studio del 2008 fatto da Google e IBM ha dimostrato che i font con le "grazie" (ovvero quei caratteri che hanno gli abbellimenti delle aste delle lettere) sono più comprensibili. Un esempio sono i font Georgia che sembrerebbe migliore del Verdana.

7) I colori da usare

Se il vostro obiettivo è promuovere o vendere cibo, utilizzate colori caldi,per i prodotti legati all'igiene usate colori freddi. Il verde è il colore della natura, l'azzurro quello della condivisione. Il colore arancione rappresenta il colore più ricercato in questo momento perché vivace, brioso ma meno aggressivo del rosso. I colori inoltre dipendono dal contesto culturale a cui ci si rivolge, basta pensare che il colore del lutto in occidente è il nero mentre in oriente è il bianco.

Significato dei colori nella vendita

Significato colori psicologia marketing

8) Non utilizzate frasi fatte

Nel promuovere i vostri prodotti non usate frasi fatte ma createne di vostre: per quanto possa essere più difficile questo principio, ricordate che le frasi utilizzate da tutti alla fine potrebbero (almeno nel caso di marketing di vendita) costruire delle resistenze psicologiche proprio perché sentite fino alla noia e quindi, facilmente inutili. Immaginate una persona che continui a sentire certe frasi, un po come i cioccolatini perugina, fatte e strafatte per certi prodotti che passano spesso in tv o in radio o tramite altri mezzi pubblicitari. Il vostro prodotto verrebbe accomunato inconsciamente con quel prodotto che ormai risulta antipatico a forza di sentire quella frase....

9) Evitate le espressioni generiche o che non trasmettono chiarezza

10) Evitate lunghi elenchi

Il cervello si annoia in fretta, quindi i più importanti punti da spingere, sono e rimarranno sempre i primi punti mentre gli altri passeranno da un orecchio all'altro ... sempre che vengano letti... siate brevi, chiari ma cercando di essere anche approfonditi (lo so è difficile... ma avete scelto questo lavoro quindi ... armatevi di pazienza).

11) Usate la tecnica dei posti o dei prodotti in numero limitati

Anche se ormai è una tecnica vecchia e ha di suo abbastanza resistenze nella maggior parte dei casi, asserire che dopo un certo lasso di tempo (breve) non si riuscirà più ad avere quel prodotto, o che rimangono solo pochi pezzi, spingerà la mente del potenziale cliente a subire la pressione della mancanza di tempo nel decidere, cosa che potrebbe aiutare, se unita ad altri sistemi appena spiegati, all'acquisto del nostro prodotto o servizio.

12) Sfruttate le emozioni

Questo è il punto più difficile da attuare: usare le emozioni direzionandole come vogliamo per ottenere una azione che ci faccia guadagnare tramite un acquisto o una azione del cliente. Sfruttare le emozioni del visitatore del nostro sito, si ottiene usando una emozione collegata alla memoria personale, connessa a una informazione che capiamo ci possa essere utile, grazie alla ripetizione o in seguito a una grossa emozione passata.

Ora avete le basi per muovervi nel mondo del marketing emozionale. Approfondite appena potete, questo affascinante argomento.

 

 

Articoli correlati