Uso dei cookie e privacy

Cookie Privacy

Facendo uso del sito, si acconsente al nostro utilizzo di cookie in conformità con la presente Cookie Policy. Se non si acconsente al nostro utilizzo di cookie in questo modo, occorre impostare il proprio browser in modo appropriato. Se si decide di disabilitare i cookie che impieghiamo, ciò potrebbe influenzare l’esperienza dell’utente mentre si trova sui nostri siti.

INFORMATIVA ESTESA COOKIE

COOKIE POLICY
La presente informativa ha lo scopo di descrivere le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei Cookie dei visitatori che lo consultano. Si tratta di un’informativa che è resa ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali)

COSA SONO I COOKIE:
I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale (solitamente al browser), dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Nel corso della navigazione su un sito, l’utente può ricevere sul suo terminale anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi (quali, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine di altri domini) presenti sul sito che lo stesso sta visitando. I cookie, solitamente presenti nei browser degli utenti in numero molto elevato e a volte anche con caratteristiche di ampia persistenza temporale, sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, ecc.

TIPOLOGIA DI COOKIE
COOKIE TECNICI:
I cookie cosiddetti tecnici servono per la navigazione e per facilitare l’accesso e la fruizione del sito da parte dell’utente. Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione e garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web. Questi cookie, sono necessari a visualizzare correttamente il sito e a facilitare l’accesso e la fruizione del sito stesso da parte dell’utente; verranno quindi sempre utilizzati e inviati, a meno che l’utenza non modifichi le impostazioni nel proprio browser.

COOKIE DI ANALISI (ANALITICI)
Sono cookie utilizzati per raccogliere e analizzare il traffico e l’utilizzo del sito in modo anonimo. Questi cookie, pur senza identificare l’utente, consentono, per esempio, di rilevare se il medesimo utente torna a collegarsi in momenti diversi. Permettono inoltre di monitorare il sistema e migliorarne le prestazioni e l’usabilità. La disattivazione di tali cookie può essere eseguita senza alcuna perdita di funzionalità. Google Analytics è un servizio offerto da Google che genera statistiche dettagliate sul traffico di un sito web e le sorgenti di traffico. È il servizio di statistiche più utilizzato. Google Analytics può monitorare i visitatori provenienti da tutti i links esterni al sito, tra cui i motori di ricerca e social network, visite dirette e siti di riferimento. Visualizza anche la pubblicità, pay-per-click, e-mail marketing e inoltre collegamenti all’interno dei documenti PDF. E’ possibile accedere all’informativa all’indirizzo: http://www.google.it/analytics/learn/privacy.html

COOKIE DI PROFILAZIONE
Si tratta di cookie permanenti utilizzati per identificare (in modo anonimo) le preferenze dell’utente e a creare profili utenti al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente all’interno delle pagine del Sito.

COOKIE DI TERZE PARTI
Visitando un sito web si possono ricevere cookie sia dal sito visitato (“proprietari”), sia da siti gestiti da altre organizzazioni (“terze parti”). Un esempio notevole è rappresentato dalla presenza dei “social plugin” per Facebook, Twitter, Google+ e LinkedIn. Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L’utilizzo più comune dei social plugins è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network. La presenza di questi plugin comporta la trasmissione di cookie da e verso tutti i siti gestiti da terze parti. Tutti questi Cookies possono essere rimossi direttamente dalle impostazioni browser. In quest’ultimo caso alcuni servizi del sito potrebbero non funzionare come previsto e potrebbe non essere possibile accedere o addirittura non avendo più il Cookie associato perdere le preferenze dell’utente, in questo modo le informazioni verrebbero visualizzate nella forma locale sbagliata o potrebbero non essere disponibili.

COOKIE DI TERZE PARTI NEL DETTAGLIO
I Cookie di terze parti vengono anche utilizzati per memorizzare le informazioni sulle preferenze dei visitatori e sulle pagine visitate dall’utente e per personalizzare il contenuto della pagina web in basa al tipo navigazione effettuata dall’utente.

1) Cookie DoubleClick DART: Tale Cookie di Google serve per pubblicare annunci contestuali in modo da mostrare all’utente pubblicità più mirata in base alla loro cronologia di navigazione. Gli utenti possono accettare tale cookie oppure disattivarlo nel loro browser visitando la pagina Privacy e Termini. Ulteriori informazioni sulle tipologie e sull’uso che fa Google dei cookie con finalità pubblicitarie possono essere trovate nella pagina web dei Tipi di cookie utilizzati.
2) Cookie di Facebook: Questo Cookie può tracciare il comportamento dei lettori. Per avere maggiori informazioni si può consultare la pagina per la

Politica della Privacy di Facebook.
3) Twitter: Questo Cookie viene utilizzato per migliorare la interazione con il social Twitter Cookie Policy Privacy
4) Google+ Questo Cookie viene utilizzato per migliorare la interazione con il social Google Cookie Policy Privacy
5) Pinterest Questo Cookie viene utilizzato per migliorare la interazione con il social Pinterest

Cookie Policy Privacy
Questo sito e il suo amministratore non hanno alcun controllo sui cookie che vengono utilizzati da terze parti, quindi per approfondire il tema si consiglia di consultare le politiche della privacy di queste terze parti sopra riportate, così come le opzioni per disattivare la raccolta di queste informazioni. L’amministratore di questo sito non può quindi controllare le attività degli inserzionisti di questo sito. È comunque possibile disabilitare i cookie direttamente dal proprio browser.
Questo sito non utilizza cookie di profilazione propri. Eventualmente, Cookie di profilazione sono esclusivamente controllati da terze parti quali Google, Facebook o Twitter.

GESTIONE DEI COOKIE
L’utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser. Attenzione: l’utente può negare il consenso all’installazione di qualunque cookie. L’impostazione può essere definita in modo specifico per i diversi siti e applicazioni web. Inoltre i migliori browser consentono di definire impostazioni diverse per i cookie “proprietari” e per quelli di “terze parti”.

A titolo di esempio, in Firefox, attraverso il menu Strumenti->Opzioni ->Privacy, è possibile accedere ad un pannello di controllo dove è possibile definire se accettare o meno i diversi tipi di cookie e procedere alla loro rimozione. Una navigazione senza l’utilizzo di cookie tecnici e di profilazione è possibile mediante quella che viene definita navigazione in incognito e che è fattibile con tutti i principali browser. Di seguito riportiamo le modalità di gestione dei cookie offerte dai principali browser:
- Google Analytics è un servizio offerto da Google che genera statistiche dettagliate sul traffico di un sito web e le sorgenti di traffico. È il servizio di statistiche più utilizzato. Google Analytics può monitorare i visitatori provenienti da tutti i links esterni al sito, tra cui i motori di ricerca e social network, visite dirette e siti di riferimento. Visualizza anche la pubblicità, pay-per-click, e-mail marketing e inoltre collegamenti all’interno dei documenti PDF.
E’ possibile accedere all’informativa all’indirizzo: http://www.google.it/analytics/learn/privacy.html

- Google AdSense è un programma gestito da Google Inc. che consente agli inserzionisti della rete Google di pubblicare annunci pubblicitari sul proprio sito web guadagnando in base al numero di esposizioni dell’annuncio pubblicitario o click effettuati su di essi.
E’ possibile accedere all’informativa all’indirizzo: https://www.google.com/adsense/localized-terms.

NAVIGAZIONE ANONIMA – COME EVITARE RACCOLTA DI COOKIE
Una navigazione senza l’utilizzo di cookie tecnici e di profilazione è possibile mediante quella che viene definita navigazione in incognito e che è fattibile con tutti i principali browser. Questa pagina è visibile, mediante link in tutte le pagine del Sito. Per ulteriori informazioni visitare la pagina del garante della privacy: http://www.garanteprivacy.it/cookie

 

 

 

 

 

Se vi interessa vendere su e-bay qui potrete trovare consigli utili per poter guadagnare il massimo con il minimo sforzo, senza investire troppi soldi e tempo.

Trucchi per fare soldi con e-bay

Come fare per ottimizzare le entrate dal proprio profilo o negozio su e-bay? Qualche consiglio potrebbe aiutarvi per guadagnare più soldi con questo social di vendita. Alcuni suggerimenti:

1) Andare a svuotare qualche cantina o soffitta gratuitamente, potrebbe aiutarvi a entrare in possesso di oggetti utili da rivendere (sempre con il permesso dell'ex proprietario) su e-bay, facendovi guadagnare moltissimo poiché non avrete speso nulla per l'acquisto del materiale. Se pensate che svuotare cantine e soffitte per poi rivender su e-bay eventuali oggetti sia una cosa da poco, ricordiamoci che spesso le persone lasciano oggetti anche di valore ad ammuffire in solai e cantine senza ricordarsi di avere qualcosa di prezioso.

2) Vendere la merce del proprio negozio reale: per aumentare le vendite del proprio businness basta rimanere al passo con i tempi e vendere su e-bay può fare la differenza anche nei momenti di difficoltà economica, specie se si riesce a tenere bassi i prezzi (dando così l'opportunità a chi non ha molti liquidi, di poter comunque comprare oggetti interessanti o utili) mantenendo una certa qualità.

Ovviamente, se vendete oggetti di marca originali (sempre che non facciate come molti venditori che spacciano pezzi fasulli per originali facendoli pagare come quelli veri), da e-bay potrete ottenere senz'altro un aiuto importante ma non eccezionale. Negli ultimi tempi, per via della crisi, sono aumentati gli acquisti di prodotti di bassa qualità a prezzi molto concorrenziali e chi ha sovraccaricato i prezzi troppo, si è trovato i magazzini pieni e poche vendite. Meglio vendere molto a bassa qualità o media che cercare di fare il botto con prodotti ottimi ma difficilmente smerciabili. Ottimo potrebbe essere anche aprire un blog di vendita.

3) Si può aprire anche un negozio per la vendita conto terzi ovvero il dropshipping che può aiutare a guadagnare (se si scelgono prodotti adeguati e grossisti che paghi no percentuali sulle vendite adeguate) parecchi soldi senza avere la necessità di possedere materialmente i prodotti in casa o di spedire personalmente gli ordini che i clienti effettuano. Si guadagna una percentuale dalle vendite che cambia in base al grossista su cui ci si appoggia quindi vi rimando alla sezione "come guadagnare con il dropshipping".

4) Potete comprare lotti o stock che vi costeranno meno rispetto agli acquisto di pochi pezzi, così il guadagno sarà maggiore ma purtroppo dovrete non solo tenervi la merce in magazzino vino al termine della vostra fornitura, ma dovrete anche anticipare parecchi soldi per l'acquisto di merce da rivendere su e-bay. Dovete scegliere le merci corrette, quelle per intenderci, che vengono ricercate facilmente dai clienti non quello che piace a voi.

5) State poi attenti anche a chi vi rivolgete per spedire materialmente i prodotti che vendete su e-bay perché in Italia, le spese di spedizione sono una nota molto dolente che possono portare via parecchio margine di guadagno dalla vendita effettuata. Se ad esempio acquistiamo un lotto di 50 portachiavi a 50 euro e li rivendiamo a due euro in teoria dovremmo intascare 100 euro ma non è così perché c’è almeno un euro di spedizione e se ti va bene riesci a recuperare i soldi spesi. Quindi occhio a questo tipo di “investimenti”.

6) Comprate se potete all'estero perché le spese per acquistare prodotti all'estero è meno alto come vi accorgerete presto: in Italia purtroppo siamo subissati da un peso fiscale pauroso e da inefficienze che bloccano il commercio, quindi cercate dove possibile, di acquistare la merce da venditori (grossisti o meno) esteri. Anche questo escamotage vi porterà qualche beneficio nell'acquisizione di guadagni più alti.

7) Si può guadagnare anche affiliandosi con e-bay, anche se pochi conoscono questa possibilità: il programma di affiliazione si chiama eBay Partner Network e da la possibilità di guadagnare anche 10 dollari per ogni nuovo utente che si riesce ad attirare sulla piattaforma di vendita e che si registra. Oltre a ciò si può guadagnare anche un altro 40% dei ricavi sugli acquisti degli utenti che siete riusciti a portare su e-Bay. Per riuscire però a guadagnare da e-Bay con questo sistema è necessario registrarsi sulla piattaforma eBay.com, ovvero quella Americana, che pochi conoscono.

Spero che i miei suggerimenti vi possano essere utili, perciò cominciamo a fare soldi!!!

Altre informazioni per vendere al meglio su e-Bay che potrebbero interessarvi le potete leggere qui di seguito:

Trucchi ed e-Bay

Vendere su e-Bay

 

 

Guadagnare con le affiliazioni

Chi più chi meno, oggi tutti coloro che cercano di guadagnare online conoscono cosa siano le affiliazioni, perché sono il metodo per fare soldi più usato in internet: di affiliazioni ce ne sono di diverso tipo, come l'affiliazione offerta da Google (il miglior pagatore del web anche se non perfetto) oppure le seguenti:

Zanox

Tradedoubler

Spitrade

NetAffiliation

PayClick

ADVPlace

Le affiliazioni pagano in differenti modi, ma sostanzialmente che si possono dividere in ciò che segue:

* Pay per impression,  l'affiliazione, ad ogni visita per pagina singola, viene attribuito un compenso all'affiliato, sistema retributivo poco usato ai giorni d'oggi;
* Pay per click dove il guadagno dall'affiliazione proviene dai click che il visitatore fa sui banner pubblicitari, vengono retribuiti un tot di centesimi per click. Di questo sistema si avvale Google ma le affiliazioni di altro genere solitamente pagano solo 1 max 5 centesimi a click, quindi è un sistema poco remunerativo ed ha bisogno di decine di migliaia di visite per poter produrre delle entrate minime interessanti da una affiliazione;
* Pay per lead con cui l'affiliato guadagna quando un visitatore si registra o richiede informazioni passando dal vostro sito dove avete posto i banner pubblicitari;
* Pay per sale dove il guadagno dalla affiliazione arriva sotto forma di percentuale sulle vendite che passano dal vostro sito verso quello del venditore.

Personalmente ho provato affiliazioni di vario genere trovando che, l'unico con un buon livello di pagamento, oltre che di successo nel produrre azioni da parte del visitatore, sia solamente Google Adsense ma la scelta dell'affiliazione giusta dipende da molti fattori, come il tipo di tematica che proponete (se proponete, ad esempio, un sito sui simboli troverete poche pubblicità che possano essere a tema, mentre parlando di viaggi, banche, assicurazioni, Forex e similari, ne avrete molte di più).

Guadagnare con le affiliazioni

Fare soldi con affiliazioni

Anche il posizionamento del banner pubblicitario e la grandezza possono fare la differenza oltre che, naturalmente, il numero di visualizzazioni e visite al vostro sito. Solitamente dalle affiliazioni più serie viene richiesto di avere un minimo di visite o visualizzazioni singole pari a un certo numero (per le affiliazioni non appartenenti a Google si parla di migliaia o decine di migliaia per poter sperare di guadagnare qualcosa altrimenti scegliete l'affiliazione Googe che paga regolarmente e di più sotto certi punti di vista, seppure paghi solo per i click sui banner) altrimenti non si viene nemmeno accettati dall'azienda che fa pubblicità.

Ricordate che ogni mille visite o visualizzazioni, si ha in percentuale la possibilità di ricevere un click dal visitatore (percentuale ipotetica) sui banner delle affiliazioni, per questo motivo è necessario avere un certo grado di visite. Più sopra ho indicato alcuni link di affiliazioni serie e di grosso calibro ma potete trovarne altre anche voi cercandole nella serp di Google.

Portate pazienza se all'inizio i guadagni dalle affiliazioni non saranno molto promettenti, ricordate che non ci si deve limitare a posizionare un banner, o tre, in certi punti e sperare che qualcuno ponga in essere l'azione per cui vi potranno pagare. State attenti anche agli imbrogli che ogni tanto tutte le affiliazioni fanno, restate allerta, perché molte affiliazioni quando non ricevono abbastanza richieste pubblicitarie cercano di rifarsi sui piccoli publisher, levando magari introiti (i pochi guadagni che sono riusciti a fare) senza dare nemmeno spiegazioni o, come capita per certe affiliazioni, adducendo il fatto che l'operazione è stata annullata per vari motivi.

Non scoraggiatevi e cercate di tenere duro trovando anche affiliazioni migliori o che siano più in sintonia con il vostro sito-blog o che paghino semplicemente in maniera regolare. Per tutto il resto in bocca al lupo!!

Altri scritti interessanti sulle affiliazioni sono:

 

 

 

Guadagnare con e-commerce

Nonostante la crisi economica che ha colpito il mondo della finanza e ormai sta portando verso un baratro infinito tutta l'economia mondiale, l'e-commerce è l'unico dei settori che non solo ha tenuto bene ma ha addirittura aumentato i propri introiti. Si perché vendere sul web qualsiasi prodotto senza aver per forza un negozio consente di guadagnare con meno spese di mantenimento. Si può addirittura non avere nemmeno il materiale con sé ma lavorare in dropshipping ovvero fare da intermediari per conto terzi, ad esempio i grossisti, senza avere gli oneri di magazzino e spedizione diretta.

Guadagnare con e-commerce

E-commerce dropshipping guadagnare online

Cosa è il dropshipping?

Il dropshipping non è nuovo come sistema di guadagno ma è meno conosciuto rispetto ad altre forme più usate per fare soldi: si tratta di vendere online materiale di vario genere (a seconda di ciò che si decide di mettere in vendita) senza però avere direttamente oneri di spedizione e possesso del materiale stesso. Ci si affida per questo a dei dropshippers ovvero imprese che mettano a disposizione i propri prodotti a prezzo da grossista. Si può trovare questo sistema di vendita su E-bay, su Pixmania e molti altri social marketing online.

Nel dropshipping non si deve anticipare soldi in caso di vendita, come invece accade per un normale acquisto in caso si possieda un negozio classico, è necessario solamente avere delle foto e una descrizione del prodotto da vendere, oltre ai tempi di consegna e al costo della spedizione. A chi decide di aprire un e-commerce come questo basato sul dropshipping, si richiede solo di organizzare le vendite dei prodotti, magari aprendo un blog o un sito dedicato (vedi anche come guadagnare con un blog) perché a spedire la merce venduta saranno gli stessi dropshippers con cui sarete affiliati. L'unica bravura e preparazione che deve essere presente per potersi affidare a questo sistema di guadagno online è avere le necessarie compentenze ed abilità per portare a termine delle vendite proponendo i prodotti migliori ai clienti che visitino il vostro sito-blog-profilo e-bay.

La cosa rilevante in questi casi, da avere ben presente, è di infomarsi prima sui possibili dropshippers per conto dei quali venderemo i loro prodotti, riguardo la velocità di spedizione, l'affidabilità in caso di problemi, il servizio cortesia, i costi aggiuntivi in caso dei diversi tipi di spedizione, eccetera. Alcuni grossisti non danno la possibilità a chi non possiede la partita IVA di vendere i loro prodotti in dropshipping quindi cercate nel web quelli che più vi possono interessare.

Attenti poiché non tutti i dropshippers sono affidabili, purtroppo non posso informarvi adeguatamente su questi casi non avendo diretta esperienza del settore vendite, ma basterà cercare con le parole chiave corrette nella serp di Google per rendersi conto di quali siano totalmente inaffidabili.

I migliori dropshippers (alcuni li ho provati come cliente come PixMania che suggerisco) sul web:

Pixmania 
L'Azienda Francese Assoluta Leader in Europa per il servizio di Dropshipping per articoli Hi-Tech (informatica, Elettronica, Audio, Video). Offre un vastissimo catalogo prodotti (circa 24.000) delle migliori marche. E' caratterizzata da un ottimo servizio di spedizione con corriere e di post vendita. Come cliente di questa società posso affermare l'alta rilevanza e professionalità oltre che il servizio al cliente.

Esprinet 
Opera nella distribuzione all'ingrosso di informatica ed elettronica di consumo in Italia e Spagna, con 40.000 rivenditori clienti e oltre 600 brand in portafoglio.
*Per usufruire del catalogo è necessario acquistare direttamente da esprinet il servizio DISPO2013 (catalogo prodotti senza immagini e schede tecniche)
*Per l'integrazione di immagini e foto è necessario acquistare il plug-In ICECAT da questo sito

Shoppingperte 
Shoppingperte.com è il risultato di anni di esperienza nella vendita on line della nostra azienda. La proposta iniziale di soli prodotti informatici si è ampliata, ad oggi, con nuove categorie di prodotti,superando i 20.000 articoli disponibili. L'offerta del servizio drop ship molto richiesta dai rivenditori del settore, con l'implementazione di una piattaforma online ad hoc unita ad una grande scontistica riservata, completano la gamma sei servizi innovativi che la nostra azienda è in grado di offrire. Acquistare e vendere non è mai stato così facile e conveniente!

Dealerpoint
Dealerpoint nasce nel 2006 come distributore di componenti informatici, proponendo una rosa prodotti d'elevata qualità. Attualmente la società è in grado di offrire ai propri clienti una vasta gamma di prodotti alle migliori condizioni di mercato. Professionalità e grande dinamicità ci rendono un affidabile partner sicuro per il vostro business. Siamo in grado di fornire in maniera rapida e precisa qualsiasi operatore del settore Italia, dal negozio al distributore nazionale. Offrono senza costi aggiuntivi, servizio di Drop Shipping grazie ad una logistica precisa e veloce.

Greenitaliaweb 
Società nata nel 2010, cresciuta nel mondo dell’ e-commerce e della vendita on-line, specializzata nella realizzazione di e-commerce sincronizzati con i cataloghi dei fornitori in dropshipping. Fornisce direttamente vari cataloghi che coprono svariate categorie merceologiche con oltre 25mila articoli in costante crescita. Le categorie trattate: consumabili e accessori per l’informatica, abbigliamento intimo tradizionale e lingerie sexy, casalinghi e articoli per la casa e liste nozze, sedie e complementi d’arredo, modellismo dinamico, salute e benessere, articoli parafarmaceutici, visti in TV, accessori auto moto ciclo. La particolarità del servizio per i dropper è la fornitura per ogni catalogo in duplice formato, uno destinato ai marketplace come eBay e uno destinato e ottimizzato per gli e-commerce con piena compatibilità ai CMS più comuni. Particolare attenzione alla sostenibilità aziendale dei propri rivenditori, con politica di fatturazione cumulativa e non per singolo ordine. L’intera struttura di GreenItaliaWeb è costruita nel perseguire una seria e proficua collaborazione con i rivenditori e, grazie alla sua versatilità è in grado di dare spazio e incentivare l’interconnessione con il proprio sistema di vendita.

ZenMusic 
Vasta scelta di Strumenti musicali a prezzi incredibili, offerte e promozioni, assistenza post vendita, recesso e garanzia, spedizioni assicurate immediate, informazioni e condizioni chiare, professionalità e competenza. Catalogo sempre aggiornato con ottimi margini di guadagno.

Dadoshop
Dadoshop.it è presente sul mercato nazionale dall'anno 2000. Nel 2000 nasce la nostra missione di creare e-commerce facile, intuitivo e veloce dando la possibilità a tutti gli utenti di poter acquistare i nostri prodotti a prezzi vantaggiosi tutto l'anno , 24 ore su 24 con consegne celeri e sicure in tutta Italia.

Esseshop 
EsseShop è un'azienda di E-Commerce che dal 2005 opera con successo nella vendita di prodotti high-tech in internet. Serietà, assistenza, prezzi competitivi e tempi di consegna velocissimi fanno di EsseShop un sito di E-Commerce affidabile ed attento alle esigenze del cliente.

Primat 
PRIMAT srl opera dal 1992 nel settore della distribuzione, in particolare nel settore bricolage-ferramenta, dal 2002 ha sviluppato una piattaforma internet B2B; la commercializzazione dei prodotti avviene solo ed esclusivamente con ordini on-line, la gestione diretta del nostro deposito ci consente consegne veloci su tutto il territorio italiano.
(Il fornitore rilascia il listino a pagamento)

Pannomagico
Clean International è un'azienda che opera su tutto il territorio nazionale per la vendita di casalinghi, prodotti in microfibra per la pulizia della casa, il benessere e la salute della persona. Attenzione: il servizio di dropshipping è riservato solo ai possessori di partita IVA.

Bene qualche idea e indirizzo utile ve l'ho dato ora potete continuare le ricerche per trovare il vostro dropshipper. In bocca al lupo e fate tante vendite.

Altri scritti che potrebbero interessarti sono:

- Reputeka fare soldi con l'artigianato

- Novità entusiasmanti per le-commerce

- Guadagnare con l'e-commerce nonostante la crisi

- Fare soldi vendendo su e-bay

 

Fare soldi con i bitcoin

Nonostante le voci contrastanti, i Bitcoin o moneta virtuale stanno aprendo nuove frontiere del guadagno per tutti, tagliando fuori banche e moneta cartacea: anche in Italia qualcuno si è accorto dell'enorme potenziale di questa moneta chiamata Bitcoin o bit moneta, perché ogni moneta virtuale è composta da un insieme di bit ottentui grazie al calcolo del proprio computer che deve riuscire a risolvere determinati algoritmi per poter guadagnare. Dopo le varie monete reali stamapate per tagliare fuori il sistema fraudolento bancario del signoraggio, arriva anche il sistema del Bitcoin. Guadagnare con i bitcoin

Ognuno si può "stampare" virtualmente la propria moneta aderendo a certi programmi particolari il tutto senza spendere soldi, avendo solo un computer abbastanza potente, una linea adsl e tanta pazienza. Non solo in alcuni Paesi si può spendere realmente i Bitcoin acquistando merci reali in qualche negozio che aderisca al movimento, ma volendo si possono cambiare anche in moneta reale come dollari, euro o altre valute estere.

Negli States esistono ragazzini letteralmente milionari grazie ai Bitcoin che ne producono molti reinvestendo in macchine di calcolo sempre più potenti così da poter fare sempre più soldi. Non è recente il caso di un ragazzo inglese che, dopo aver messo via un certo numero di Bitcoin si era dimenticato di avere il gruzzolo sul computer (si perché i codici che asseriscono quanti bitcoin avete dovete tenerli voi fino al momento di spenderli o cambiarli in valuta sonante). Formattò quindi il pc cancellando così anche la somma di Bitcoin: perse la bellezza di due milioni di dollari!!!

Si perché il bitcoin possiede un proprio valore di borsa che si alza o si abbassa, quindi nonostante molti non possiedano parecchi Bitcoin potrebbe accadere che, all'alzarsi della borsa e quindi del valore della moneta virtuale, anche quel piccolo numero di Bitcoin diventerebbe una bella somma di denaro reale. naturalmente l'azione del "mining" o quella del produrre i Bitcoin, necessita di computer molto potenti quindi la cosa non è alla portata proprio di tutti, ma esistono però dei siti che mettono in palio un certo numero di Bitcoin ogni giorno o ora, che tutti possono cercare di guadagnare iscrivendosi a dei programmi di affiliazione oppure cercando di risolvere alcuni codici.

Leggendo fino in fondo potrai sapere quali sono questi siti dai quali potrai guadagnare anche tu pur senza avere un computer potente per il mining. Quanto vale un Bitcoin? Il valore di un singolo bitcoin varia a seconda delle quotazioni ma diciamo che può arrivare anche a cifre simili a 800$.

Legenda Bitcoin

BTC = bitcoin= 1 Bitcoin
mBTC= milliBitcoin= 0.001 Bitcoin
uBTC = microBitcoin= 0.000001 Bitcoin
Satoshi= 0.00000001 Bitcoin

Il bello di poter anche convertire in moneta reale un singolo Bitcoin è che anche se non si possiede una moneta completa, composta cioè da 1,0000000 si può comunque avere il contro valore in denaro oppure usarlo per fare acquisti sui siti e nei negozi offline che aderiscono all'uso di questa moneta. Come ho detto all'inizio, essendo una moneta elettronica, il bitcoin lo si può anche creare avendo un pc, ma l'operazione richiede molto tempo e anche pc molto potenti come ho già affermato, oltre a componenti abbastanza dispendiosi e non alla portata di tutti, inoltre è necessario mantenere sempre acceso il pc cosa che può portare a sovraccarichi e perdita del lavoro fatto fino a quel momento.

Esistono però siti che "regalano" milionesimi di bitcoin, anche se le regole per la gestione di questo denaro virtuale non è uguale per tutti: a volte si possono richiedere in pagamento i bitcoin guadagnati subito in altri casi si possono avere al raggiungimento di certe quote. Prima di guadagnare con i Bitcoin è necessario creare un portafoglio elettronico dove poter riporre questo denaro elettronico, al quale sarà collegato un indirizzo sul quale questi siti che danno la possibilità di guadagnare Bitcoin potranno scaricare il dovuto, indirizzo da inserire al momento della registrazione a tali siti. Dopo questa operazione potrai cominciare a guadagnare bitcoin.

Siti per guadagnare bitcoin

CoinAd 
Un buon sito per guadagnare bitcoin, che non necessita di iscrizione ma solo l'indirizzo del conto bitcoin per potersi scaricare un link che ti servirà per registrare utenti, pagandoti una commissione del 50% sulle azioni che produrranno i tuoi utenti registrati. Un altra fonte di guadagno da questo sito è quella che si riceve visitando siti ricevendo un pagamento di 1.68 ubtc millesimi ad ogni visita, è necessaria la pre compilazione di un codice per dimostrare di non essere un bot automatico (esistono dei programmi apposta per fare lo stesso lavoro senza dannarsi ma sono vietati). Ogni visita sul sito cliccato deve durare un tempo variabile che va da un minuto a cinque. Al raggiungimento del limite minimo di 100 ubtc, si viene pagati.

Freebitcoins
Su bitclicks si guadagna visitando siti web, in pratica devi aprire dei link e attendere lo scadere dei secondi prestabiliti per accumulare i mBTC, si va da un minimo di 0,00031 fino a 0,00090 per sito visitato, poi il bello di questo sito è che si può scegliere di rimanere utente standard oppure pscegliere di passare a premium dove il guadagno aumenta fino al 200% dai propri clic sugli annunci e il 160% in più dai loro refferal, si può passare al livello superiore pagando con i uBTC accumulati o pagare dal proprio portafoglio bitcoin, il costo è di 90 giorni per 6,75 mBTC fino a 12 mesi per un costo di 21.6 mBTC.

I guadagni per visitare 20 annunci al giorno come utente normale (gratuito) o premium sono :

Standard Member:

Click Reward: 0.00045 mBTC
Referral Click Reward: 0.00036 mBTC
Premium Member:

Click Reward: 0.0009 mBTC
Referral Click Reward: 0.00072 mBTC
I pagamenti avvengono raggiunta la soglia di 0,1 mBTC, se si preleverà prima di questo limite il sito si trattiene 1,5% sul totale accumulato, da provare consigliato!

Altri siti per guadagnare con i bit coin sono:

http://earnfreebitcoins.com/

Un sito dove trovare una lista di altri siti dai quali poter guadagnare i bitcoin li potete trovare qui anche se la maggior parte sono siti in lingua straniera:

http://freebitcoin.in/

Per ulteriori informazioni sui bitcoin potete visitare wikipedia .

 

 

Pubblicare un libro con il self publishing

Self Publishing pubblicare un libro sul web

Anche in Italia sta prendendo sempre più piede il sistema di auto pubblicazione di opere private, il self publishing, forse per via del fatto che gli editori comuni, da sempre riconosciuti come persone poco inclini a pagare opere preparate da altri, con la scusa degli alti costi promozionali (promozioni mai effettuate se non in casi particolari) spingono sempre più scrittori in erba ad auto promuovere le proprie opere letterarie che quasi certamente non verrebbero prese in considerazione dagli editori di turno.

Ma anche se vogliamo pubblicare da soli un nostro e-book, grazie al servizio di self publishing online, è possibile non farsi fregare? Si purché si stia molto attenti a certi criteri legali.

Come guadagnare con il self publishing

 

Spesso piccoli editori, alla richiesta di uno scrittore nuovo di poter pubblicare un proprio libro su supporto cartaceo, chiedono delle somme che variano da alcune centinaia di euro a qualche migliaio, giustificando il costo con l'acquisto di un certo numero di copie (che possono andare da un centinaio a 300 a seconda del costo richiesto), in questo modo l'editore non rischia nulla e comunque compie una vendita di quell'opera letteraria.

Il rischio lo prende solo lo scrittore del libro: ma online esistono dei siti che consentono di far stampare anche solo una singola copia per libro, così che si riesce ad abbattere nettamente i costi anche nel caso della pubblicazione con self publishing, uno di questi siti è il seguente Pressup.it

Questo sistema di chiedere soldi allo scrittore fa si che l'editore guadagni cifre basse da ogni scrittore nuovo ma senza rischiare di non vendere un opera di un perfetto sconosciuto in sostanza si fa fare tutto il lavoro allo scrittore mentre, chi dovrebbe fare il lavoro, guadagna senza rischi. Un consiglio quindi: lasciate stare le piccole e medie editorie al limite passate direttamente alla fase successiva: il self publishing.

Online esistono editori come lulu.comnarcissus.meyoucanprint.it che non chiedono soldi a chi vuole pubblicare libri tramite loro ma si trattengono l'80% del prezzo di listino dell'e-book o del libro da stampare on demande per ogni vendita effettuata quindi allo scrittore spetta fare solo pubblicità alla sua opera libraria.

Nonostante la percentuale che youcanprint.it si trattiene sia alta, bisogna ricordare che un editore comune riconosce allo scrittore una percentuale nettamente inferiore che si aggira tra il 7 e l'8%, quindi non male dopo tutto.

Per lulu.com e narcissus.me si riesce ad avere maggiore aiuto (almeno a parole poi bisogna vedere se le regole valgono per tutti) consentendo allo scrittore di autopubblicarsi un libro, in formato cartaceo o ebook, riconoscendo ad ogni vendita l'80% del guadagno. Ad ogni libro viene anche assegnato un codice ISBN univoco cosa che ne fa un libro a tutti gli effetti.

Alcuni hanno anche raggiunto un certo successo come E.L. James che ha pubblicato su Lulu il libro "50 sfumature di grigio" prima di essere acquisito da Random House. I pagamenti avvengono in maniera puntuale tramite bonifico mensile oppure su conto PayPal. L'unica cosa che rimane da fare allo scrittore è la promozione del suo libro, cosa che comunque non implica poco lavoro.

Narcissus è una piattaforma italiana edita da Antonio Tombolini, un esperto di internet ed editoria digitale, anche se poco conosciuta, possiede delle grandi potenzialità ancora inesplorate dai più. All'autore del libro viene riconosciuta una percentuale sulla vendita di ogni copia pari al 60%, il tutto pagato tramite PayPal.

La cosa rilevante con narcissus è che si ha la possibilità di essere venduti anche in circuiti esistenti tutt'oggi come Amazon, Apple ibook StoreBurne&NobleIBSFeltrinelli, Dea Store, Mondadori, Hoepli e moltissime altre piattaforme di vendita online, alcune delle quali hanno anche negozi distribuiti su tutto il territorio.

Anche con Narcissus, il vostro libro riceverà un numero univoco ISBN rendendovi virtualmente rintracciabili dalle librerie convenzionali. Nonostante tutti questi siti diano un servizio più o meno valido ricordo sempre che saltando la figura dell'editore (un editore che sappia fare il suo mestiere e che non si limiti solamente a fregare soldi allo scrittore) dovrete per forza darvi da fare per promuovere la vostra opera letteraria, altrimenti non sperate di guadagnare soldi facilmente. Come sempre dico: senza lavoro non c'è guadagno.

Ti potrebbe interessare anche come diventare e guadagnare facendo il copywriter .

 

 

Guadagnare con la pubblicità su Facebook

Il mondo del web sta lentamente mutando, nulla è imperituro così come internet non è fisso e immobile, ma in costante evoluzione, cosa che consente di guardarsi intorno per trovare nuovi sistemi per guadagnare soldi online. Come possiamo fare a fare soldi con facebook? Investendo nella pubblicità di questo social network.

A detta di molti statisti, Facebook, è in costante crescita nonostante problemi di vario genere e negativisti, cosa che lo pone al di sopra delle preferenze su dove investire soldi per fare soldi. Nonostante esistano altri social network come Twitter, Google plus e altri, il loro successo nell'attrarre nuovi utilizzatori stenta a decollare, mentre si apre sempre più il mondo dell'ADS di facebook, per aziende e privati.

Con la pubblicità su Facebook, possiamo aumentare le nostre visite sul nostro sito, se possediamo un sito di e-commerce possiamo incrementare le vendite dei nostri prodotti, oppure possiamo spingere la nostra azienda e farla conoscere per incrementare i nostri futuri guadagni.

Facebook è un social network piuttosto recente, quindi alcuni comandi che riporto potrebbero essere leggermente differenti da quelli che presento qui, proprio per via del fatto che anche la grafica così come i comandi di facebook sono sempre in evoluzione, per cercare di attirare nuovi utilizzatori.

La prima cosa importante per cominciare a fare soldi con facebook è aprire una propria pagina di profilo, deve essere collegata alla propria identità e non a un profilo fittizio per poter solo guadagnare dalla pubblicità, questo eviterà che lo stesso facebook ti chiuda l'account riconoscendolo come falso.

Per trovare il link al quale dovremmo rivolgerci per guadagnare dalla pubblicità dovete controllare in alto a destra tra la barra della chat di facebook e la barra dei post nella pagina, come raffigurato nell'immagine che segue.

Pubblicità facebook come fare

Per iscriversi alla pubblicità Facebook

Vi troverete su una nuova pagina che ti guiderà nella creazione di un tuo profilo adeguato che potrai usare per guadagnare con facebook, direttamente (portando nuove visite sul tuo sito o blog) o indirettamente (facendo si che altri divengano maggiormente visibili e guadagnando dai like che riuscirete a ricevere dal tuo profilo).

Guadagnare da Facebook

Il tuo profilo facebook, per farti guadagnare soldi, dovrà indirizzare i tuoi visitatori su altre pagine sponsorizzate, cosa che riuscirai a fare postando argomenti di qualità e connessi alle tematiche delle aziende che avranno investito per farsi pubblicità. Le giuste azioni da effettuare per fare soldi con facebook sono:

1) Preparare varie e differenti inserzioni che portino gli utenti a interagire e ad apporre più like ai tuoi contenuti;

2) Creare scritti che facciano crescere il numero del tuo pubblico;

3) Crea inserzioni che aumentino il traffico di utenti sul tuo sito;

4) Crea inserzioni che aumentino le conversioni e le azioni predeterminate da te sul tuo sito, controllandone l'andamento inserendo un pixel che ti consentirà di monitorare il tutto;

5) Se possiedi applicazioni, crea inserzioni che spingano i follower a installare le app di tua proprietà;

6) Crea inserzioni per spingere un evento;

7) Crea inserzioni che spingano l'utenza a visualizzare dei video che avrai caricato sul tuo profilo.

Per trovare risposta alle domande più frequenti su come guadagnare soldi dal servizio di ADS di facebook potete anche leggere le fag all'indirizzo facebook seguente:

Facebook FAQ

Leggi anche come fare soldi con youtube

Il migliore libro esistente sul web in merito di guadagni con Facebook è quello che indico di seguito; se lo volete comprare cliccate sulla immagine che segue:

Guadagnare con Facebook

 

 

Come guadagnare con un blog

Devo mettere innanzitutto il freno a mano ai facili entusiasmi, sul fatto che si possa guadagnare soldi con un blog: si può fare soldi con un blog? Si, ma non così facilmente come molti asseriscono (ne ho più di tre) e nemmeno così in fretta come altri dicono. Guadagnare con un blog implica lavoro, lavoro e ancora lavoro, non solo nello scrivere post su argomenti interessanti e ricercati (seguire solo le vostre inclinazioni, a meno di non farvi trovare nella nicchia adatta, non vi farà fare molte visite forse nemmeno una) e adeguatamente preparati secondo le regole SEO (Search Engine Optimization, ottimizzazione per i motori di ricerca), ma anche per quanto riguarda il fatto di fare pubblicità ai vostri scritti.

Ho letto spesso nel web, su come sia relativamente facile fare soldi con un blog ma avendo provato in prima persona, posso dire che, specie dopo la crisi che ha colpito la finanza e l'economia mondiale, tutti ne hanno risentito, con una considerevole contrazione dei guadagni, quindi se prima con un solo blog e senza nemmeno tantissima fatica (facendo le cose per bene come Locatelli XD) si poteva aspirare e sperare di fare abbastanza soldi da potersi permettere una seconda entrata economica che andasse a rimpolpare il nostro stipendio, per chi lo aveva, adesso non aspettatevi di fare centinaia di euro con il minimo sforzo ma invece di fare qualche centinaio di euro solo facendo pubblicità al vostro blog sui social network, scrivendo almeno due scritti rilevanti a settimana, facendovi conoscere negli acconci luoghi come alcuni forum di settore (qui dipende dalla tematica che trattate) e soprattutto non senza la conoscenza almeno di base del SEO.

Possiedo più di un blog di Google, il classico blogspot, e devo dire che per quanto sia abbastanza elementare come gestione, da comunque delle direttive ben precise, ovvero bisogna pubblicare un post almeno ogni settimana altrimenti le visite caleranno perché Google vi renderà visibili nella SERP (quella lista di siti che appaiono in varie pagine quando fate una ricerca) a random, ovvero vi turnerà con gli altri blogger che gli appartengono. Tranne casi particolari la cosa così avviene.

Naturalmente non voglio spezzarvi l'entusiasmo che altri hanno montato sul fatto di riuscire a guadagnare con un blog, ma preferisco mettervi in guardia sull'impegno che questo necessita: una volta che avrete preparato la base del blog, con almeno una ottantina di scritti (questo che sto per dire è corretto a meno che non vogliate lavorare con i social ma ve lo sconsiglio perché dipendere dal lavoro di pubblicità su questi mezzi farà si che appena voi calerete il vostro impegno anche le visite caleranno esponenzialmente), se avrete colpito adeguatamente qualche argomento di punta, allora potrete stare certi di avere almeno qualche centinaio di visite che vi consentiranno di inserire la pubblicità adsense sempre di Google.

Tenete presente che prima della crisi mondiale, avendo un migliaio di visite al giorno sul proprio blog, si riusciva a guadagnare dai 200 ai 400 euro al mese, ora le cose come dicevo sono cambiate e guadagnare abbastanza da un blog richiede molto più impegno e entrate più scarne che si possono aggirare intorno ai 100 euro per mille visite, ma non disperatevi perché la maggior parte dei blogger non arriva nemmeno a 100 euro mensili, diciamo che la norma si aggira sui 5-10 euro mensili perché non riescono a fare abbastanza visite e ad avere una percentuale di rimbalzo bassa (il fatto che una persona entri nel vostro blog ed esca viene indicato come percentuale di rimbalzo se calcolato sul totale delle visite giornaliere).

C'è anche da dire che molti blogger hanno la brutta abitudine (forse perché si tratta di ragazzini che non hanno idea di come si scriva un post) di fare copia incolla da notizie o argomenti trattati in altri siti e blog, pensando così di poter guadagnare da un blog copiando i contenuti di altri ma le cose non stanno proprio così.

Con gli aggiornamenti degli ultimi tempi, Google, ha messo una stretta importante su questa brutta abitudine, per questo motivo non vel o consiglio. Dovrete scrivere su argomenti interessanti ma soprattutto ricercati, anche la tecnica di scrittura è importante, che deve essere piacevole, se possibile simpatica (ma anche qui dipende dall'argomento trattato) fluida, evitando post da poche righe o eccessivamente lunghi.

Il modo più efficace per avere molti lettori, è scrivere su argomenti molto ricercati, ma allo stesso tempo che non hanno grande concorrenza da parte di altri portali web, in questo modo, quando avverrà una ricerca su Google di una certa frase o parola, si dovrà riuscire a trovare il nostro articolo, sempre che lo avremo preparato adeguatamente anche dal punto di vista SEO. Guadagnare con un blog come vedete non è così imediato o semplice ma richiede una grande voglia di imparare e tenersi aggiornati sugli argomenti inerenti la nostra branca scelta e degli sviluppi delle regole che ci aiuteranno a fare soldi.

Come trovare le parole chiavi migliori

Ma come si fa a sapere quali frasi o parole usare per cercare di attirare traffico al nostro blog? Usando i servizi di Google come Adword (dovrete avere un vostro profilo con e-mail registrato in Google). Potete accedere qui di seguito:

https://adwords.google.com/KeywordPlanner

Ma come funziona? Vediamolo brevemente. Accedendo alla schermata principale dovreste trovarvi nella pagina inerente le ricerche come quella mostrata nella foto che segue

Adwords ricerca parole chiaveRicerca parole chiave adwords servizio Google

Qui avete delle scelte da fare come scegliere le parole collegate all'argomento che tratta il vostro blog da cui volete guadagnare soldi, grazie alle quali potrete sapere in breve, dopo aver scelto anche la nazionalità e la lingua di riferimento (altrimenti la ricerca avverrà per tutto il mondo sfalsando i dati), quali saranno le percentuali di ricerca mensili di quelle parole.

Si lo so la ricerca richiede molto tempo ma è tempo che investite per far lavorare il vostro blog così da sperare di guadagnare soldi altrimenti avrete solo sprecato tempo e fatica. Diciamo che le parole che vi interessano sono macchine e motori, avrete anche inserito (ma non è obbligatorio) un sito di riferimento che io ho scelto al primo posto della ricerca di Google nella SERP trovato inserendo proprio quelle due parole.

Servizio collegamento chiavi di ricerca

Come vedete dall'immagine qui sopra, alcune serie di parole o meglio dire frasi hanno al loro fianco la dicitura Alta sulla colonna della concorrenza, ciò indica che esistono già molti post e siti che trattano quell'argomento con quelle parole specifiche indicate alla sinistra.

Queste potete trattarle ma preferite invece concentrarvi, se vorrete fare soldi col vostro blog, sulle parole che possiedono la dicitura bassa o al massimo media come concorrenza, perché avrete maggiori possibilità di successo pubblicando molti post di questo genere.

Meno ricerche e meno trattazione di una tematica ne fanno un ottimo veicolo che Google considererà buono per rimpolpare il settore quindi se preparerete al meglio i vostri scritti e il vostro blog, potrete sperare di guadagnare soldi, magari postando ogni tanto anche qualche argomento molto ricercato ed a alta concorrenza, che darà una nota seria al vostro blog.

Come fare per farsi trovare in SERP

Molti dicono che non dovete pensare ai motori di ricerca quando scrivete ma ai lettori.. diciamo che bisogna fare una via di mezzo: pensare ai lettori sempre, ma con un occhio anche ai motori di ricerca perché scrivere bene ma non essere trovati in SERP non vi servirà a nulla se volete guadagnare da un blog. Ma come fare ora ad arrivare in cima alla SERP o almeno in prima pagina? Ricordate le regole che seguono:

1) Essere originali negli scritti non copiate
2) Mettete la parola chiave che identifica l'argomento del post sempre nel titolo
3) Cercate di inserire anche i sinonimi (se possibile) della parola chiave nel testo, avrete maggiori possibilità di spuntarla sulla concorrenza
4) Cercate, come accade nei libri, di dividere in capitoli lo scritto così che il lettore abbia maggiore facilità nella lettura
5) Scrivete più articoli sullo stesso argomento (ci tornerò sopra alla fine della lista delle regole da rispettare)
6) Fate degli scritti abbastanza lunghi anche se non c'è una regola ma vi consiglio di non scrivere post di 10 righe o 1000, la regola è equilibrio
7) Aggiungete link esterni (sempre con no follow) al testo che pubblicate che siano a tema con quanto trattate
8) Se avete aperto un blog per parlare di medicina non mettetevi a parlare di politica...seguite il tema del blog
9) Pubblicate periodicamente almeno un o scritto a settimana, anche di più se riuscite ma senza dannarvi: meglio poco ma buono che tanto da schifo
10) Curate il caricamento veloce delle pagine che non dovranno essere troppo pesanti quindi alleggerite il peso delle immagini che inserite negli scritti, evitate di inserire gif o script inutili nel blog che farebbero solo rallentare il caricamento dei post specie con le linee dei cellulari che ci ritroviamo in Italia....
11) Curate sempre il SEO
12) Non siate mai volgari
13) Se siete capaci e serve o è collegato al vostro argomento, cercate di pubblicare anche qualche video su you tube perché vi aiuterà ad avere maggiore visibilità nella SERP, purchè i video siano correlati all'argomento che tratta il vostro blog.

Queste sono solo delle linee guida da seguire per fare del vostro blog un creatore di guadagno, non certo il vangelo da seguire per forza, ma se lo seguite vi potrà dare una marcia in più. Potete anche sfruttare gli aggregatori di notizie ma solo se trattate argomenti sempre freschi altrimenti non otterete nessun vantaggio s eno perdere del tempo e il tempo è denaro. Alcuni aggregatori sono:

http://oknotizie.virgilio.it
http://fai.informazione.it
http://ziczac.it
http://diggita.it

Ce ne sono molti altri ma questi li ho usati e so come funzionano.

Scegliere il nome di dominio del blog

Una delle cose importanti è scegliere il nome del blog da cui volete guadagnare: dovete cercare qualcosa che contenga, se possibile, la parola o più parole chiave legate all'argomento che volete trattare, ma ultimamente la cosa si è fatta ardua quindi anche usare sinonimi non guasta specie se il nome di dominio è già stato preso.

Potete usare il servizio Dr Whois  per cercare di trovare un nome di dominio libero, scegliendo anche se debba essere con dominio it, com, net, eccetera. A dire la verità ormai Google, poiché molti nomi di dominio sono già stati presi considera maggiormente il contenuto del blog o dei siti piuttosto che considerare la corrispondenza della ricerca con il nome del blog ma è sempre una cosa utile e che aiuta. Ad esempio, uno dei miei siti, uomomedicina.it, nonostante non tratti di sciamanesimo (solo un pò) ma di medicina naturale, in caso di ricerca usando le parole uomo medicina, uscirà terzo nella SERP di Google, proprio per l'attinenza del nome (con 11.100.000 risultati!!).

Guadagnare dalla pubblicità di adsense di Google

Guadagnare con il nostro blog diventa abbastanza semplice nel caso le nostre visite abbiano raggiunto almeno le 300 visite giornaliere, non di meno perché rischieremmo di essere bannati dal servizio adsense per eccesso di CTR ovvero percentuale di click sui banner in rapporto al numero delle visite. Meno visite, più click, CTR alto segno secondon Google che qualcosa non va e per questo banna senza tanti complimenti. Si può fare solo una registrazione nella vita a persona quindi, una volta che Google ci avrà buttati fuori non potremmo più rientrare né registrarci nuovamente.

Sull'uso dei banner pubblicitari vi rimando alle regole e consigli che da Google:

https://support.google.com/adsense/answer/185665?hl=it
https://support.google.com/adwordspolicy/answer/176108?hl=it
https://www.blogger.com/

Come vedete sono molte le cose che un blogger alle prime armmi deve conoscere prima anche solo di sperare di guadagnare soldi da un blog, e molte ce ne sono ancora, ma spero che queste prime possano darvi una idea generale. Nel caso vogliate aprire un blog gratuito vi consiglio il servizio collegato al vostro account Google chiamato blogspot, nel quale io ho anche tre blog.

https://www.blogger.com/
http://it.wikipedia.org/wiki/Blogger_%28piattaforma%29 (qualche informazione)

Vi auguro buon blog!!

 

 

Come guadagnare soldi con un blog

Con la crisi, è andata via via sempre aumentando la voglia della gente, di trovare nuovi sbocchi lavorativi o che permettessero di far entrare denaro nelle tasche ormai vuote. Uno di questi sistemi può essere il blog.

Per guadagnare soldi da un blog esistono almeno quattro strade:

1) Inserire pubblicità adsense di Google, un servizio di pubblicità offerto dallo stesso Google
2) Vendere qualche prodotto direttamente come oggetti vari, e-book, servizi, template (ovviamente di propria proprietà), ecc..
3) Vendere qualche cosa per conto terzi
4) Inserire pubblicità collegato al servizio di affiliazioni.

Ma quale è il sistema migliore per guadagnare soldi da scegliere? Non esiste una risposta che possa andare bene per tutti, poiché esistono differenze che possono anche diventare di notevole entità, come per quanto riguarda la tematica trattante un blog di nostra proprietà, oppure che tipo di prodotto decidiamo di vendere o quanto bravi siamo a vendere un prodotto per guadagnare soldi.

Per quanto riguarda i guadagni inerenti le affiliazioni, c'è da considerare che necessitano grandi numeri di visite uniche ogni giorno per poter anche solo sperare di vendere o, quanto meno dove accordato, guadagnare dal PPI (payperimpression=pagamento per visualizzazione).

Se apriamo un sito che parla di caffé e riusciamo ad aver un certo successo di visite, allora magari sarebbe meglio orientarsi verso affiliazioni inerenti l'argomento piuttosto che ambire a usare il servizio adsense di Googleanche se quest'ultimo risulta essere comunque il servizio di affiliazione che paga di più e sicuro al confronto di tutti gli altri tipi di servizi similari.

Vendere un prodotto nostro

Ma come si fa a vendere un prodotto di nostra proprietà, magari un e-book? Si scrivono tanti post inerenti o collegati al contenuto del nostro prodotto (nel caso dell'e-book) oppure che oltre a descriverlo lo pongano in luce per le virtù o gli usi positivi inestimabili per il lettore.

Ovviamente scrivere tanti pezzi sul prodotto serve per cercare di posizionarsi adeguatamente con molte chiavi di ricerca sempre collegate al nostro prodotto, nella SERP così che avremo maggiori possibilità di essere visitati dal possibile cliente interessato a quell'oggetto o argomento.

Guadagnare dalle affiliazioni

Se per esempio facciamo delle recensioni o presentiamo le novità esistenti su certi materiali o oggetti, possiamo collegare al nostro profilo affiliato, quel dato oggetto allo scritto così che, ogni volta qualcuno interessato ad esso cliccasse sul link affiliato per esempio con Amazon, oppure Pixmania per dirne solo un paio, e acquistasse tale oggetto , ci farebbe guadagnare soldi sul suo acquisto. Le percentuali variano a seconda delle affiliazioni e dei prodotti.

Tradedoubler è probabilmente il miglior sito che permette di affiliarsi a partner di diversa natura, cioè di inserire nel proprio blog una pubblicità e poi decidere tramite il proprio account la tipologia di prodotti di pubblicizzare, anche se devo ammettere che personalmente (ma forse sarò capitato in un momento di scarsi investimenti pubblicitari) non ho trovato pubblicità in lingua italiana di così grande vastità di scelta...

PPC Pay Per Click

Come guadagnare soldi con il pay per click è molto semplice: oltre a google adsense, esistono anche altre affiliazioni e servizi che, in certe circostanze o tematiche (come il gioco d'azzardo, le banche, le assicurazioni, tematiche insomma molto remunerative) fanno guadagnare cifre interessanti, anche 3 euro a click su banner, ma il tema del sito, ovviamente, per essere accettati in certi ambienti, deve rispettare diverse regole come avere molto traffico in entrata al sito, essere a tema con la pubblicità che si vuole pubblicare con le affiliazioni e possedere delle caratteristiche serie che non mettano in ridicolo gli investitori.

Maggiori click riceveremo maggiori soldi online faremo, anche se è necessario tener presente che questi programmi di guadagno per pay per click, non sono stupidi come certi credono: essi posseggono dei sistemi di rilevamento inerenti gli IP dei clienti che cliccano sui banner di modo che un uso fraudolento venga smascherato al più presto ed eliminato dal circuito, perdendo allo stesso tempo i soldi fino a quel momento guadagnati, quindi attenti a cercare di truffare questi sistemi.

Ora vi chiederete come posizionare i banner pubblicitari per fare più soldi possibili: bene, per Google, come ci suggerisce egli stesso, le posizioni migliori sono in alto a destra, in alto a sinistra e in basso a sinistra, ma le cose non sono così semplici, perché le posizioni dei banner, per poter sperare di guadagnare più soldi, devono essere trovate a seconda della struttura e della tematica del sito dove li volete posizionare.

Per esperienza diretta esistono si delle posizioni migliori di altre ma che dovete trovare da soli provando e riprovando calcolando che serve almeno una settimana per capire se un banner sta bene dove lo avete piazzato oppure è meglio provare un altra posizione.

Evitate altresì di riempire di banner pubblicitari il sito perché oltre a far rallentare parecchio (penalizzandovi agli occhi di Google) il caricamento delle singole pagine, convincerete sempre meno i visitatori a cliccare con una perdita sostanziale di soldi. ragionate e non agite di impulso, quella del guadagnare soldi online è un sistema fattibile ma che deve essere studiato e ponderato.

Nonostante guadagnare soldi online sia fattibile anche oggi con la crisi economica, dovete aver pazienza, stringere i denti e cercare di mantenervi aggiornati sulle ultime tecniche per fare soldi con il web, questo vi permetterà di guadagnare denaro senza che ve ne accorgiate.

Potrebbe interessarti anche leggere 

Come fare soldi con un blog/sito

Come monetizzare con un blog

 

Guadagnare soldi con youtube

Alla ricerca di nuovi sistemi per guadagnare soldi online, le persone, vista anche la crisi e i problemi di denaro, si stanno sempre più avvicinando ai sistemi per fare soldi che sfruttano i vari servizi Google e i social network in uso nel web. Uno di questi modi di fare soldi è sfruttare youtube e le sue potenzialità.

Per poter usare youtube per guadagnare soldi non servono grandi abilità né particolari conoscenze tecniche ma solo che tu legga ciò che segue.

Per poter fare soldi con youtube è necessario avere un profilo google con il quale aprire un proprio canale di video, che dovranno essere di nostra proprietà e non copiati, ottenendo molte visualizzazioni di utenti unici così da poter inserire la pubblicità di Google all'interno del proprio canale youtube, guadagnando dai click sui banner pubblicitari. Soldi fare soldi guadagnareOvviamente per guadagnare soldi dobbiamo caricare dei video che abbiano un interesse per il pubblico quindi vietato up-loadare filmati senza nessun mordente per chi li può guardare.

Tieni presente che ogni minuto vengono caricati su youtube 100 ore di filmati amatoriali quindi caricare a vanvera video non interessanti non ci farà arrivare traffico e, quindi, visualizzazioni utili per noi per fare soldi. Si tratta di studiare quale siano i video che raggiungono un carattere virale ovvero che vengono condivisi e pubblicizzati automaticamente dal pubblico.

Naturalmente, se hai deciso di fare soldi con youtube, dovrai informarti su quali siano quei video che sono diventati virali: se ci fai caso, spesso, i video più famosi sono quelli che vengono fatti amatorialmente e non professionalmente, ma che possiedono quel "non so che" di intimo, di speciale, di simpatico ma mai stupido né troppo superficiale.

Non esistono regole precise che possano farti guadagnare con youtube, per preparare un video di successo. Ci sono alcuni che sfruttano la loro faccia particolare o le proprie abitudini nel parlare o nel muoversi per costruire un video interessante e divertente di successo, poi ci sono gli oratori "particolari" che spesso fanno pensare facendo ridere come alcuni soggetti che dicono la loro sulla situazione in Italia ma usando non l'italiano bensì il dialetto con motti di spirito inseriti nello sfogo filmato.

Fare un video di successo per youtube

Esistono vari sistemi per preparare un video di successo per fare soldi con youtube vediamone qualcuno nello specifico: alcuni cercano di fare un video palesemente falso, come quello di un tuffatore chge si lancia da una scogliera solo per trovarsi faccia a faccia con uno squalo.

Questo video ha raggiunto velocemente tredici milioni di visite in soli tre giorni. A volte si tratta di video ripresi senza intenzionalità dalla gente che tratta di fatti scioccanti, incredibili o divertenti, video di avvenimenti che si è stati in grado di filmare per puro caso.

Naturalmente i casi in cui si ha la fortuna di filmare qualcosa di particolarmente interessante per il pubblico, se vogliamo fare soldi con you tube, non è la cosa migliore poiché potremmo passare la vita attendendo la nostra occasione.

La cosa migliore la si ottiene grazie alla inventiva e un minimo di conoscenze in ambito di film maker preparando video ad hoc che sappiano attrarre l'interesse dei visitatori e possiedano la qualità dello sharing, di essere condivisi con altri. Basta avere una idea e saper usare a livello base un qualsiasi programma di video editing e il gioco è fatto.

Ovviamente la strada per guadagnare soldi con youtube necessita di impegno e soprattutto di un certo talento in merito al video editing, unico sistema per poter creare dei video originali, interessanti e divertenti o realmente utili al visitatore. Raramente si riesce ad avere notorietà e, quindi, guadagnare con youtube per puro caso, quasi sempre serve invece abilità e impegno per creare un canale youtube di successo che possa farci guadagnare soldi.

Come si registra un canale youtube?

Per aprire un canale youtube col quale poter fare soldi è sufficiente avere un account Google e, dopo essersi registrati tramite apposito link registrazione , dopo aver avuto accesso al vostro profilo you tube, potrai richiedere la partnership con you tube a questo indirizzo . Come ho già detto in precedenza tutti i video non dovranno contravvenire ai diritti di autore quindi dovranno appartenerti totalmente e non essere copiati.

Quanto si guadagna con youtube?

Purtroppo a questa domanda non vi sono risposte uniche, perché esattamente come per coloro che possiedono un profilo adsense  (altro servizio di Google per guadagnare con la pubblicità di Google) dipende da molti fattori: da una ricerca fatta da Tubemogul ogni 1000 visualizzazioni uniche del vostro video potrai guadagnare circa un paio di euro ecco che avrai la necessità di fare decine di migliaia di visite uniche con il video che andrai a caricare o i tuoi video.

Naturalmente come anche io ho visto, certe cifre sono da prendere con il beneficio del dubbio anche perché il variare della cifra reale dipende da molti fattori non solo dalle visualizzazioni.

Come hai visto, per guadagnare soldi da youtube, dovrai sforzarti di impegnarti con ricerche e lavoro, non basterà caricare un video a settimana sperando che raggiunga la notorietà.

Per guadagnare pubblicando video su youtube come ti ho detto all'inizio, servono impegno, dedizione, un minimo di conoscenze tecniche e psicologiche e un pò di fortuna ma si possono fare avere anche guadagni interessanti nel caso si riesca a sfondare come chi riesce a portarsi a casa centinaia di euro grazie a qualche video che sia riuscito a divenire virale. Ora che sai, in bocca al lupo.

Potrebbe interessarti anche come:

guadagnare con facebook  

Guadagnare con un canale Youtube

 

 

Altri articoli...

Articoli correlati